criptovalute.io logo

MXC: Cosa sapere sull’Exchange

Molto probabilmente avrai sentito parlato di questo Exchange. D’altro canto, vorremmo discuterne più ampiamente attraverso questo articolo perché diversi nostri lettori hanno avuto domande in merito, ci hanno scritto e-mail, e quindi risulta necessario scrivere una guida sull’Exchange MXC.

Spiegheremo di cosa si tratta, qual è la sua storia e cercheremo di capire i suoi pro e contro.

Vedremo anche attraverso queste righe alcuni broker vantaggiosi come IQ Option ed eToro che consentono di ottenere pari risultati in maniera affidabile, trasparente e senza commissioni.

Addirittura, potrai vedere come questi broker online risultino essere facili da gestire, anche da persone che per la prima volta decidono di affacciarsi al mondo degli investimenti online ma non hanno molte competenze. Partiamo col cercare di apprendere qualche informazione in più su MXC.

MXC: Di che si tratta?

MXC è un Exchange per investimenti in criptovalute.

Tutto è partito da Singapore, Cina, dove è stato registrato come Exchange, dopo un lavoro di trading online da parte di professionisti a Wall Street, NY.

Questa piattaforma è stata creata per supportare diverse criptovalute, e, a differenza di altri Exchange dei Paesi asiatici, questo permette anche ad utenti degli USA di acquistare e investire in criptovaluta sui mercati azionari.

Per parlare un po’ dei suoi movimenti in borsa, si può pensare che nell’agosto 2019, il suo volume di scambi corrispondeva a 1,1 miliardi di dollari statunitensi, cifra che lascia come minimo incuriositi.

A vantaggio di questo Exchange si trova il fatto che è possibile utilizzarlo tramite app, sia IOS che Android (diventa quindi un Exchange a portata di smartphone), ed inoltre ha una particolare cura al suo sistema di sicurezza interno e alle prestazioni.

Commissioni MXC: quanto?

Quando ci si affaccia al mondo delle criptovalute e agli Exchange presenti sul mercato, di solito si collega anche l’argomento delle commissioni.

Purtroppo, anche l’Exchange MXC non ne è esente. Questo tipo di applicazione, non vogliamo dimenticarlo, non è illegale (pensiamo ad Exchange come Coinbene o FatBTC); sono importi richiesti in maniera del tutto legittimi. A quanto ammontano le commissioni di MXC?

Stiamo parlando di una commissione forfettaria pari allo 0,20% per ogni singola operazione. Se pensiamo agli altri Exchange competitor, risulta essere una commissione poco inferiore alla media (di solito si parla dello 0,25% per operazione).

A questa percentuale, bisogna aggiungere anche la commissione per il prelievo, la quale risulta essere fissa, quindi non importa l’ammontare delle criptovalute prelevate.

Altra commissione da dover aggiungere, sono gli aggravi fiscali.

Chiaro è che se un investitore desiderasse partire ad investire in criptovaluta senza commissioni, questo non risulta essere un buon metodo.

C’è però la possibilità di cominciare senza essere obbligati a pagare commissioni (cosa legale quanto il richiedere il pagamento di commissioni).

Come poterlo fare?

È possibile grazie all’utilizzo di broker presenti sul web come per esempio IQ Option.

In questo caso, stiamo parlando di un broker davvero molto vantaggioso, non solo perché non richiede il pagamento di percentuali di commissioni o di commissioni per il prelievo, ma permette anche di partire con un importo di deposito pari a 10€ (l’importo medio di una pizza e una birra a cena fuori).

Al momento non esistono broker sul web che permettono di iniziare ad investire sui mercati finanziari con un importo iniziale così esiguo!

Tra le sue valute digitali ci sono: Bitcoin, Ethereum, Ripple e Bitcoin Cash, solo per citarne alcune.

Ma per quale motivo stiamo parlando in maniera costante di “investimenti” e non di “acquisti”?

Continua con la lettura di questo articolo e scoprirai il perché!

È rischioso comprare criptovalute?

Per rispondere alla domanda potremmo dire direttamente sì e no. In che senso?

MXC consente di comprare criptovaluta ma con commissioni, il che è un’operazione del tutto legale, ma come per i medesimi Exchange presenti in giro, comprare criptovaluta è un’opzione poco vantaggiosa. Per quale motivo?

Chi ultimamente ha seguito un po’ le vicende di Bitcoin, ha potuto vedere come la criptovaluta sia una valuta digitale alquanto volatile. È vero che è possibile puntare alla salita del suo valore, ma è un gioco pericoloso perché da un momento all’altro potrebbe esserci una caduta del mercato azionario e ritrovarti con molto meno denaro di quando sei partito. Il rischio risulta essere sempre dietro l’angolo.

Come aggirare questo pericolo?

Ci sono VALIDE alternative?

eToro

Ultima alternativa, non certo per importanza, si tratta di eToro (clicca qui per accedere al sito).

Questo broker parla da solo: diventato famoso per la sua semplicità di azione, eToro consente di usufruire del Copy Trading. Sì, ma cos’è?

etoro copy trading

Questa tecnica presente all’interno del broker di eToro, consente di copiare, di riproporre i movimenti degli investitori più esperti, chiamati guru di eToro. Questi utenti di eToro mettono a disposizione di tutti gli altri utenti le loro “perle di saggezza” attraverso bacheche pubbliche (come quelle di Facebook per intenderci) dove in seguito si potranno copiare.

Per questo motivo eToro è definito il social network del mercato trading online.

Per effettuare la ricerca dei numerosi guru all’interno del broker, è possibile utilizzare il suo motore di ricerca, grazie al quale si potrà impostare il criterio di ricerca per Paese di provenienza e altre impostazioni, ma una fra tutte il numero di followers. Questo dato permette di comprendere sin da subito il successo dell’investitore e, di conseguenza, ci aiuta nella decisione di seguirlo oppure no (una cosa degna di nota da ricordare è il fatto che questi “guru” hanno tutti gli interessi ad avere molti sostenitori e a condividere le loro informazioni, perché il broker li paga proprio in base a questo dato).

Per poter diversificare il rischio, è importante non limitarsi a seguire un solo guru di eToro, ma cercare di seguirne almeno 6 o 7, così da avere ampia scelta e avvalersi anche dell’esperienza di più investitori. Quest’ultima considerazione permette inoltre, di fare una cernita tra quelli che hanno effettivamente successo, e quelli che forse di successo ne stanno perdendo. In questo caso bisogna essere pronti a non seguirli più. Siate pronti ad eliminare gli investitori che non risultano essere profittevoli. Potrebbe sembrare la politica corretta quella di seguire un solo investitore, ma alla lunga non risulta essere buona.

Anche perché il termine “investitore” si associa al termine “essere umano” e quindi c’è un margine di errore dietro ognuno di noi. Ecco la ragione per cui è più corretto diversificare il fattore di rischio.

Tutte queste considerazioni le si possono applicare a chi ha intenzione di partire con un conto reale oppure cominciare con un meno impegnativo conto demo (clicca qui per iscriverti con eToro e aprire un conto).

Per passare da un conto demo ad uno reale, basterà versare un deposito minimo di 200€.

Questa somma depositata è una cifra a disposizione del cliente e può spenderla come meglio crede, non è assolutamente vincolata dal broker.

Attraverso queste brevi informazioni, avrai potuto comprendere che eToro è un broker davvero molto semplice nel suo utilizzo, ha diversi fattori positivi e soprattutto non prevede commissioni.

Chiaro, non è tutto oro quello che luccica: non significa che la semplice iscrizione ci consente di avere soldi a palate. Impegno e un controllo costante dei movimenti dei guru sono necessari, così da agire prontamente sui mercati azionari.

IQ Option

Come riuscire a superare il rischio dei mercati altalenanti della finanza?

Si possono utilizzare i CFD (contracts for difference), definiti come strumenti per la gestione dei propri investimenti con i broker come IQ Option, ma non solo. Questi “contratti” permettono di investire senza il reale bisogno di dover acquistare la valuta digitale.

Si può cominciare ad investire cercando di indovinare l’andamento degli asset, e per questo si può scegliere la posizione “long” (di acquisto, se si prevede un incremento del valore della criptovaluta), oppure “short” (di vendita, se si ipotizza una perdita nei mercati azionari della valuta digitale).

È davvero facile comprare e investire sui mercati finanziari!

Non è possibile ottenere vantaggi esorbitanti in poco tempo (non sarebbe nemmeno realistico). Bisogna sempre ricordare che i mercati finanziari sono mondi rischiosi e non li si può affrontare con superficialità.

Depositare su MXC

Accantoniamo per un attimo i broker sopra citati per cercare di capire come si può depositare denaro sull’Exchange MXC. Per poterlo fare, non è possibile attraverso una carta di credito, ma solo attraverso bonifico bancario.

Questo tipo di scelta per l’Exchange è alquanto limitativa, se consideriamo che broker come eToro (clicca qui per ottenere un conto) consente di depositare denaro anche attraverso Paypal e Skrill.

Sicurezza dell’Exchange

Cosa possiamo dire in merito alla sicurezza di MXC?

Il principale referente al riguardo è l’Osservatorio Mozzilla, il quale ha assegnato a questa piattaforma una F, cioè un punteggio nella media per gli Exchange di criptovaluta.

Sembrerebbe un portale completamente sicuro…è bene essere chiari sotto questo aspetto.

Partiamo dalla nostra prima perplessità: questa piattaforma ha come sede Singapore.

Questo vuol dire che la piattaforma non è tenuta a rispettare regole come nel caso di Plus500 ed eToro. Inoltre, è vero che al momento questa piattaforma non sembra aver subito attacchi informatici però c’è da dire che altri Exchange simili a MXC, hanno chiuso di punto in bianco, lasciando i propri clienti con un pugno di mosche in mano, senza alcun risparmio e senza la possibilità di poter chiedere informazioni in merito.

Quindi scegliendo questi Exchange, potrebbe capitarci di ritrovarci, da un momento all’altro, con il deposito svuotato…

Nei broker di cui abbiamo parlato non ci sono lacune e non ci sono lati oscuri, in quanto esiste la tutela dei soldi dei investitori, che vengono custoditi in tutta sicurezza.

Con questo, vogliamo ripeterci, meglio essere chiari, non vuol dire che tutte queste certezze ci consentono di guadagnare sempre e comunque. Bisogna sempre considerare il fattore di rischio e il fatto che i mercati finanziari sono per antonomasia pieni di rischi.

Conclusioni

MXC è un Exchange che ha preso il volo negli ultimi anni. Si è fatto spazio tra un ampio mercato, tra molti concorrenti grazie alle sue commissioni poco più basse della media generale.

C’è da tenere a mente il fatto che, con questo metodo di trading online, non è possibile optare per una posizione di vendita e al ribasso, in quanto questo Exchange è focalizzato interamente sull’acquisto.

Chiaramente questo è un contro non da poco, per chi ha intenzione di guadagnare con i mercati e con le criptovalute. Questo tipo di filosofia, non è assolutamente illegale.

Per coloro che invece desiderano investire in maniera sicura, senza il rischio di perdere il proprio deposito in criptovaluta, consigliamo calorosamente di scegliere i broker online come IQ Option, Plus500 ed eToro.

Sono le piattaforme gratuite presenti sul web che offrono più garanzie e trasparenza nella gestione dei propri fondi. Consentono addirittura di guadagnare anche nel caso in cui le criptovalute dovessero perdere quota, grazie ai CFD (“Contracts for Difference”).

A conclusione di questa guida, siamo certi che avrai qualche informazione in più sull’Exchange.

Avrai anche qualche certezza in più circa le piattaforme a disposizione che ti consentono di agire sui mercati finanziari senza troppi pensieri. Se ritieni che questa guida sia stata utile a te e potrebbe esserlo anche per altri, potrai condividerla con quante più persone possibile, così informarli sull’Exchange MXC.