Come comprare Ripple

In questa pagina trovate informazioni per comprare Ripple e per fare trading. A prescindere dal vostro grado di esperienza, vi forniremo tutti i dettagli utili sia per la compravendita, sia per il mantenimento degli stessi Ripple, tramite piattaforme e portafogli, fisici e online.

Oltre alla possibilità di comprarli, si può fare trading su Ripple senza la necessità di acquistarli e preoccuparsi di metterli al sicuro, utilizzando una piattaforma di trading CFD, come Plus500.

Acquistare Ripple con una exchange o una piattaforma di trading

Nella tabella qui sotto elenchiamo le più importanti piattaforme di scambio e acquisto di ripple. Alcuni nomi son ben noti, poiché operano nel settore ormai da diversianni e godono di notevole reputazione nel settore.

Iniziare è facile. La prima cosa che occorre fare è iscriversi alla piattaforma che si preferisce e successivamente effettuare un deposito per poter effettuare i propri scambi e acquisti di ripple.

Migliori piattaforme per comprare Ripple

Una lista delle migliori piattaforme in cui è possibile acquistare Ripple o fare trading. Viene specificata la tipologia di piattaforma

    • Deposito: 100
    • Licenza: Cysec
    • Supporto: italiano
    • Livello: beginner
    Ricarica con:

Chi preferisce la semplice speculazione, cioè negoziare sulle variazioni di prezzo di Ripple al rialzo e al ribasso a fini di lucro, può trovare sicuro interesse nelle piattaforme di trading CFD, che consentono di fare trading su Rippleaprendo posizioni rialziste e ribassiste, al fine di cercare risultati economici derivanti sia dai rialzi che dai ribassi.

Comprare Ripple in 3 passi

Presentiamo una procedura facile, veloce e corretta per comprare Ripple:

  1. Registrarsi alla piattaforma di scambio  e verificare il conto
  2. Effettuare un deposito tramite i metodi di pagamento disponibili
  3. Utilizzare i fondi depositati o parte di essi per acquistare o fare trading su Ripple

Le piattaforme presenti nell’elenco precedente hanno reso quest’ultima operazione (3) decisamente semplice, al fine di facilitare gli utenti senza esperienza.

La semplificazione viene attuata offrendo ai clienti la possibilità di comprare e fare trading su ripple mantenendo gli asset sulla stessa piattaforma.

Per l’acquisto tradizionale, invece, è maggiormente consigliabile l’utilizzo di un portafoglio virtuale, che tiene traccia di tutte le transazioni e che si può utilizzare “ad hoc”. Ne parleremo più avanti.

In cambio di ripple occorre del vero denaro, da trasferire tramite società di pagamenti, tramite banca o un sito web terzo che metta in contatto acquirenti e venditori.

Una volta che i fondi sono disponibili, per comprare ripple si può piazzare ordini su piattaforme come BitStamp, Kraken o altre menzionate sul sito ufficiale di Ripple.

Investire in Ripple è sicuro?

Chi desidera investire in Ripple ragionevolmente si domanda quanto sia sicuro come investimento. La sicurezza dell’investimento in ripple si può intendere in diversi modi. Partiamo da quella che riguarda l’operatività, ovvero la sicurezza del sistema Ripple e la sicurezza delle piattaforme di scambio che si utilizzano per il trading su XRP. L’altro modo di intendere la sicurezza dell’investimento è quello che prende in considerazione il punto di vista finanziario. Scopriamo tutti e tre questi elementi.

  • Sicurezza del sistema: il sistema Ripple funziona con una blockchain, perciò le transazioni vengono salvate su un ledger (un registro) e una volta validate inserite nella blockchain, una catena di blocchi condivisa in tutto il sistema.
  • Sicurezza delle piattaforme:  quando si scambiano o si acquistano XRP, questi si possono detenere in un proprio portafoglio (virtuale o fisico) oppure sulla stessa piattaforma in cui si opera. In questo secondo caso, è consigliabile operare con una piattaforma che goda di una buona reputazione e che presenti dei meccanismi di protezione. Nel caso di piattaforme trading CFD, invece, non sono detenuti XRP (bensì CFD) perciò non presentano il rischio di perdere ripple.
  • Sicurezza dal punto di vista finanziario: sotto questo punto di vista, occorre considerare che le valute digitali sono molto volatili. Le variazioni di prezzo sono quindi molto frequenti e veloci. Il loro prezzo può cambiare di molto anche in poco tempo. Questo dinamismo può favorire l’ottenimento di buoni profitti in poco tempo, ma anche il verificarsi dell’effetto opposto, ovvero subire forti perdite in poco tempo. L’esito dipenderà dalla direzione presa dal mercato.

Acquistare Ripple in modo anonimo: si può?

Ripple è stata concepita in modo diverso da altre criptovalute, perciò si è voluto porre l’attenzione sulla privacy, piuttosto che all’anonimato.

Quanto vale Ripple?

Ripple può essere considerata da un punto di vista del progetto e dal punto di vista della criptovaluta (XRP).

Il progetto Ripple è molto valido e ha avuto da subito come obbiettivo quello di facilitare le operazioni interbancarie. Successivamente, la sua tecnologia si è evoluta ed è stata implementata nei sistemi di diverse società, istituzioni bancarie e network di pagamento di primo livello.

Il valore della valuta digitale, il ripple o XRP, non dipende dal valore del progetto, anche se teoricamente dovrebbe o potrebbe aumentare in futuro armonicamente ad esso.

Investire in Ripple a breve termine e/o con piccole somme

A seconda dei propri obbiettivi e dei propri budget, è possibile operare su ripple in diversi modi. Chi non ha in mente di comprare per mantenere ripple per mesi o anni, bensì per operare nel breve termine, può prendere in considerazione la possibilità di fare trading su ripple, acquistando e rivendendo in giornata o dopo qualche giorno/settimana.

Si possono scambiare ripple al fine di ottenere plusvalenze in base alle variazioni di prezzo. Questo si può fare tramite le piattaforme exchange e le piattaforme di trading CFD:

  • Con le piattaforme exchange si acquistano ripple pagandoli in valuta legale
  • Con i CFD invece non si comprano ripple ma si negozia sul loro valore, al rialzo e al ribasso. Ciò significa che è possibile ottenere risultati economici positivi anche dalle variazioni al ribasso del ripple, oltre che da quelle al rialzo

Tra i vantaggi dello scambio a breve termine vi è la possibilità di sfruttare i momenti di volatilità per trarre beneficio (purché si effettuino le giuste previsioni sulla direzione del mercato) e la possibilità di operare anche con piccole somme.

Investire su Ripple a lungo termine

Un altro tipo di approccio d’investimento su Ripple è quello a lungo termine. Questo consiste nel comprare XRP, ovvero i ripple, e mantenerli, con la previsione che col tempo salgano di valore. Ad esempio, investire in ripple oggi per poi rivendere o scambiare tra qualche anno. Oppure, dati i tempi veloci delle criptovalute, anche tra 1 anno.

Tra i vantaggi dell’investimento su Ripple a lungo termine si potrebbero includere la diversificazione del proprio portafoglio di investimento (in aggiunta a fondi, azioni ecc.), la possibilità di utilizzare/negoziare parte dei ripple in proprio possesso, la possibilità di rivenderli in qualsiasi momento senza vincoli.

Portafogli Ripple, quando e perché è importante saperli usare

Abbiamo visto che chi acquista o scambia ripple può detenerli o sulla piattaforma di scambio, o su un proprio portafoglio.

Se avete in mente di scambiarli spesso, o acquistarne una piccola quantità, detenerli su exchange può fare al caso vostro. Se invece avete in mente di investire a lungo termine o acquistare grandi quantità di ripple, il portafoglio si presenta come una soluzione più sicura.

Se preferite detenerli su una piattaforma, potete saltare questa parte relativa ai portafogli, che invece è utile per chi desidera metterli in sicurezza, specie per grandi quantità di scambi.

Prima di acquistare ripple, è importante imparare a conoscere il software degli “wallet”, i portafogli. Comprenderne il funzionamento è fondamentale, per chi li utilizza, perché un solo errore può causare la perdita della transazione.

Per contrastare il rischio di perdere i ripple “nell’etere” vi sono alcune regole da seguire. Ancora meglio è  prendere familiarità con la tecnologia che ne sta alla base.

Vediamo quindi qui di seguito in che modo effettuare correttamente operazioni con i portafogli Ripple.

Come settare e utilizzare un portafoglio Ripple

Chi desidera mantenere i propri ripple su un portafoglio al sicuro, può scegliere di usare un portafoglio online (online wallet) o un di più difficile utilizzo portafoglio fisico (hardware wallet). Qui di seguito, vedremo come si può trasferire i propri ripple su un portafoglio online.

Per prima cosa, occorre scegliere un portafoglio online e settarlo. Per questo esempio, abbiamo scelto il portafoglio GitHub. Da GitHub si può selezionare un client, a cui accedere online o scaricare, come ad esempio il Minimalist Ripple Client nella pagina Jatchili (come spiegato qui https://github.com/jatchili/minimalist-ripple-client).

 

  1. Scaricare lo script del portafoglio Ripple
    Visitate la pagina di GitHub e cliccate sul link “Download the code here” per scaricare il codice. Salvatelo sul browser e copiate lo stesso file html su una chiavetta pulita e controllata per eventuali virus. Da lì, copiatela su una directory a vostra scelta sul computer, che idealmente dovrebbe contenere solo un’installazione Windows o Linux intoccata e non essere connessa ad internet. Quest’ultimo fattore è estremamente importante, per la sicurezza del codice.
  2. Settare il vostro portafoglio su un computer OFFLINE
    Una volta che potrete aprire il file, nella pagina che viene visualizzata, cliccate su “Generate Identity”, ovvero “Generare Identità”.  In questo modo, verrà generata la propria chiave privata, alfanumerica. Dovrete conservare questa chiave in un posto molto sicuro. Potrete renderla più sicura con una passphrsase, cliccando su “encrypt secret”. Nella stessa pagina, visualizzerete la chiave pubblica del vostro portafoglio appena generato ( la chiave pubblica è quella che si fornisce a coloro dai quali si desidera ottenere il trasferimento). La chiave pubblica potrete successivamente salvarla anche sul computer online. Quando finirete la procedura, una finestra popup vi farà visualizzare l’encrypter secret key. In questo modo, si avrà una doppia sicurezza.
  3. Trasferire XRP nel proprio portafoglio
    Ora che il portafoglio è pronto, vediamo come trasferire XRP al suo interno. A tal proposito, è da evidenziare che il portafoglio resterà inattivo fin quando 20 XRP non vi saranno trasferiti. Per trasferire questi 20 XRP, utilizziamo una piattaforma exchange, come ad esempio Kraken. Per iniziare, si provino a trasferire solamente i 20 XRP richiesti, per vedere se la procedura va a buon fine e per assicurarsi che tutti i passaggi siano stati compresi. Su Kraken, ad esempio, vi è il menu “Funding” in cui è presente la voce Withdraw (preleva). Qui si può successivamente cliccare su Ripple (XRP) situato sulla colonna sinistra.  Ovviamente, per poter trasferire 20 XRP da Kraken al portafoglio, occorre prima averli su Kraken. Per acquistare Ripple da Kraken, si può fare un deposito e quindi cliccare su Trade -> New Order e quindi acquistare ripple con euro.Quando avremo almeno 20 XRP su Kraken, potremo trasferirli sul nostro portafoglio precedentemente settato seguendo questi 4 passaggi:a) Cliccate sul pulsante blu +Add Address e quindi inserite la chiave pubblica. Solitamente inizia con la lettera “r”. Selezionate l’indirizzo di destinazione (Target Address), inserite il numero 20 e cliccate su “Review Withdrawal”. Se tutto sembra inserito correttamente, lanciate il prelievo (Withdrawal). A tal fine è consigliato settare l’autenticazione in 2 fasi per il prelievo.

    b) Attendete qualche minuto per assicurarvi che il trasferimento sia stato completato. Sebbene in Ripple i trasferimenti siano quasi tutti istantanei, vi può essere un ritardo di pochi minuti affinché la exchange possa processare l’operazione.  Se per qualche minuto il vostro portafoglio rimane vuoto, non allarmatevi.

    c) Sul vostro computer online, aprite il “Minimalist Ripple Client” sul browser. Nella sezione “identità”, in alto, inserite la vostra chiave segreta. Cliccate su “Set Identity” e, dopo aver inserito la passphrase, verrà visualizzata la chiave pubblica appena sopra il bottone “show/hide secret”.  Nella sezione “Connect”, cliccate su “Connect to Ripple” al fine di stabilire una connessione. Se tutto va come deve andare, verrà mostrata una finestra popup con la scritta “success”.

    d) Nella sezione “Account Details”, cliccate su “use current identity” per caricare l’indirizzo del vostro portafoglio. Quindi, cliccate su “View Info” per visualizzare le informazioni. Il bilancio verrà visualizzato in drops (1 XRP = 1.000.000 drops, ovvero goccioline). Perciò dovreste visualizzare 20.000.000 drops, pari a 20 XRP.
    e) Quando avrete finito, chiudete la finestra del browser, cancellando la vostra cache.

Mantenere Ripple su una exchange: pro e contro

Mantenere i ripple in un portafoglio vi consentirà di tenerli al sicuro e di “tirarli fuori” esclusivamente quando vorrete effettuare delle transazioni. Questo tuttavia richiede il sapere come utilizzare i portafogli online o fisici.

Tuttavia, abbiamo visto che c’è una modalità più semplice di utilizzo di ripple ai fini dello scambio, ed è quello di mantenerli direttamente su una piattaforma di scambio criptovalute, ovvero una exchange, pronti ad essere scambiati.

Questo è il metodo più semplice e l’ideale per chi non ha esperienza con l’utilizzo dei portafogli, così come per coloro che scambiano piccole quantità di ripple.

Con questa modalità, anziché detenerli in un portafoglio, i ripple si mantengono sulla stessa piattaforma con cui si opera, pronti ad essere utilizzati. Tuttavia, vi sono da considerare vantaggi e svantaggi. Se da un lato vi è il sicuro vantaggio della comodità e della rapidità con cui poter eseguire le operazioni, dall’altro vi sono dei rischi più elevati, poiché sarà per l’appunto la piattaforma a detenere i vostri ripple, non voi. Quindi, se dovesse succedere qualcosa alla piattaforma, i vostri ripple potrebbero essere in pericolo. Ad esempio, se venisse hackerata. Per questo, è meglio scegliere innanzitutto una piattaforma affidabile, ben conosciuta e molto utilizzata, di buona reputazione.

Con le piattaforme di trading CFD, non si detengono ripple, bensì CFD su Ripple, perciò tale problema non si presenta.

E’ tardi per comprare Ripple?

Il sistema Ripple si differisce da quello di Bitcoin per diversi aspetti. Uno dei vari, è la grande disponibilità di valuta digitale, gli XRP, rispetto a quello dei BTC. Infatti, la supply di ripple disponibili complessivamente è superiore a 99 miliardi, contro i 16 milioni e rotti dei BTC. Ciò significa che è altamente improbabile che i ripple possano raggiungere quote elevate.

Tuttavia, ciò non li rende meno interessanti, poiché costando meno, se ne possono acquistare in maggiore quantità e anche la variazione di pochi dollari può fare la differenza quando si parla di compravendita e di trading.  Un po’ come per le valute tradizionali, anche se in quel caso si può contare su leve finanziarie più elevate, offerte dai broker di CFD.

 

*Plus500 CY LTD è autorizzata e regolata dalla CySEC (Cyprus Securities and Exchange Commission (License No. 250/14).